add a comment

Ecco il primo robot-portiere

Sorveglia l’ingresso e consegna la posta. Praticamente, sostituisce quasi del tutto il vecchio portinaio di condominio o di palazzo. Il prototipo, italiano, ruberà posti di lavoro?

Ha una faccia simpatica e due occhi vivaci e attenti per sorvegliare il viavai nel portone, un comodo vassoio per consegnare posta, pacchi e magari anche la spesa. Si tratta del primo portinaio hi-tech realizzato e sperimentato in Italia. Il prototipo è stato presentato a Pisa, nel convegno sulle tecnologie al servizio dell’ambiente in cui si vive (Ambient Assisted Living), organizzato dalla Scuola Superiore Sant’Anna.

«Ci siamo dati due anni come obiettivo per un modello che possa essere prodotto su scala industriale», ha affermato il ricercatore Filippo Cavallo, co-fondatore della Co-Robotics. I prototipi realizzati hanno un busto modificabile, parlano e obbediscono ai comandi. Il robot si accorge anche se qualcuno è caduto e ha bisogno di aiuto.

Il materiale è leggero ed economico: la plastica dei cruscotti delle auto. Un elemento, questo, che facilita la produzione su scala industriale. Si parla di commercializzazione entro il 2018.