Nel suo intervento al World Government Summit 2017 a Dubai di qualche giorno fa, Elon Musk sembra avere le idee chiare: una forma di reddito universale garantito è assolutamente necessaria, o globalizzazione ed automazione metteranno seriamente a rischio tutto il nostro tessuto sociale e il senso stesso che attribuiamo alla nostra esistenza. Ecco la trascrizione del suo intervento.

Ci saranno sempre meno lavori al mondo che i robot non potranno fare meglio di noi. Voglio essere chiaro: queste non sono cose che desidero accadano. Sono cose che credo, purtroppo, probabilmente accadranno: e se le mie previsioni sono corrette, e probabilmente lo sono, dobbiamo riflettere accuratamente su cosa fare. Credo che un qualche tipo di reddito minimo universale diventerà necessario. La produzione di beni e servizi sarà altissima: con l’automazione verrà una vera e propria sovrabbondanza che renderà moltissimi prodotti davvero economici. La domanda che dobbiamo porci ora è: come troveranno il senso della vita le persone che oggi lo attribuiscono al lavoro? Se non ci sarà bisogno di lavorare, quale sarà il senso della loro vita? Si sentiranno inutili? Questo è un problema molto più serio di quelli rappresentati dall’automazione.

L’intera chiacchierata (in inglese) è piuttosto interessante, e attraversa molti temi oggetto dell’attività di Elon Musk, dalle esplorazioni spaziali ai trasporti alternativi.

La trovate a questo indirizzo: https://www.youtube.com/watch?v=7Lre6GxiQUE