add a comment

TIM OPEN, gambe e cuore per startup e sviluppatori

Il cuore di un’azienda,  non giriamoci intorno, è una buona idea. Né più, né meno.

Eppure, quante volte un’idea rischia di non decollare per mancanza di robuste “gambe” che le permettano di prendere la giusta velocità e spiccare il volo?

Il problema principale per chi vuole far decollare questa idea è che spesso gli strumenti per le startup innovative non sono realizzati con criteri di eccellenza né votati all’efficienza: questo “lack” strutturale è un motivo serio di ostacolo, costituisce probabilmente il freno più importante allo sviluppo di nuove imprese. Manca una vera e propria piattaforma che aiuti gli sviluppatori a perfezionare (e distribuire! Nota dolente) i propri servizi e/o prodotti i nel modo più giusto ed efficace possibile, curando tutti gli aspetti del processo.

In realtà avrei dovuto dire “mancava” visto il lancio di TIM OPEN, una piattaforma b2b che punta il cannocchiale proprio su sviluppatori, software house, operatori IT e startup. Si tratta di un set di strumenti, quello proposto, che costituisce una infrastruttura di qualità particolarmente completa per realizzare tutto il processo “finale” di un progetto: tutto ciò che si trova, in altre parole, dalla strutturazione di un’app alla distribuzione attraverso un marketplace dedicato: il TIM Digital Store . Le soluzioni ICT che nascono dall’idea di base potranno crescere più agevolmente e, grazie al Cloud, potranno essere scalabili nel tempo: la disponibilità delle API dei servizi TIM previste nella piattaforma (SMS, geolocalizzazione) potrà poi arricchirle di funzioni aggiuntive che comporterebbero altrimenti costi ulteriori di ricerca e sviluppo (altro tempo prezioso che si perde: altri soldi che erodono il budget!)
Poche preoccupazioni anche per la gestione delle vendite della propria app (compresi tutti gli aspetti legati alla fatturazione) e della pubblicizzazione: è tutto integrato in #TIMOPEN. Gli sviluppatori dovranno concentrarsi soltanto su ciò che sanno fare meglio. Molto semplicemente: ideare & sviluppare. Quando si dice “salvaguardare il proprio Working Capital” 🙂

Basta registrarsi su open.tim.it per poter avere accesso alla piattaforma e da lì iniziare ad adoperare tutti gli strumenti che TIM OPEN mette a disposizione per strutturare, sviluppare e successivamente vendere il proprio prodotto attraverso il canale privilegiato del TIM Digital Store, un punto di incontro tra gli sviluppatori e le aziende che hanno bisogno di far crescere il proprio business: grazie alla presenza di un operatore così importante, si tratta chiaramente di un canale diffuso in modo capillare, che assicura grande visibilità.

Domanda delle cento pistole: “Cosa ci guadagna TIM?” È giusto, legittimo porsi una domanda del genere. Non ci trovo nulla di male.

In poche parole: si tratta di un modello revenue share. TIM, come è ovvio immaginarlo, guadagna una piccola percentuale sulle vendite dell’app creata. Lo trovo ovvio e giusto: una piccola fetta di torta a chi vi ha dato gli ingredienti e il forno per cucinarli è il minimo che potete fare per mostrare la vostra riconoscenza!