Nature: invertito l’invecchiamento su 9 persone

Gianluca Riccio

Medicina, Transumanismo

I pazienti hanno effettuato un un ciclo annuale di ormone della crescita e due farmaci antidiabete, che hanno invertito il loro invecchiamento biologico.

Un mix di tre medicine già note non solo rallenta, ma inverte i processi di invecchiamento. È la conclusione di uno studio appena pubblicato su Nature e Biomed.

9 persone hanno beneficiato per un anno di un trattamento per invertire l’invecchiamento a base di un ormone della crescita e due farmaci antidiabete in un test della University of California.

Alla fine del ciclo di trattamento, secondo gli studi i pazienti hanno “recuperato” un’età biologica più giovane di 2.5 anni. 

Anche qui mi intrometto per gettare acqua sul fuoco: i risultati ci sono e sono confermati, ma il gruppo di test è composto da soli caucasici e manca un secondo test di raffronto per contestualizzare meglio gli esiti della ricerca.

Per molti, il tema dell’immortalità è il Santo Graal sia del futurismo che della medicina.

Anche chi non ha la benché minima intenzione di vivere in eterno, l’idea di poter vivere senza i danni del tempo suona comunque molto meglio che vivere più a lungo ma tra i mille acciacchi della vecchiaia.

In termini di lunghezza e qualità della vita più dell’età sui documenti è importante la capacità del nostro corpo di mantenersi in forma a livello cellulare e molecolare.

Come si misura la forma?

Gli scienziati misurano l’invecchiamento biologico considerando qualcosa chiamato “orologio epigenetico”. Uno dei principali metodi di misurazione è stato sviluppato da un co-autore dello studio, il Dr Steve Horvath della University of California.

Invecchiamento
Il Dr. Steve Horvath

Questo metodo guarda in profondità ai cambiamenti espressi dal DNA. Con l’invecchiamento tutta una serie di marcatori chimici chiamati ‘metili’ si legano alle molecole di DNA.

Questi cambiamenti non alterano la sequenza del DNA, ma possono danneggiare il modo in cui una sezione del codice genetico può essere attivata o disattivata, o interferire con altri processi biologici.

Più fattori influenzano questo degrado (chiamato metilazione e riguardante moltissimi organi e tessuti, compresa la ghiandola vitale chiamata Timo) e più il corpo va verso il disfacimento.

Invecchiamento
L’età biologica, misurabile con l’orologio epigenetico, può differire anche di molto da quella anagrafica

Il Timo

In particolare la ghiandola Timo funziona un po’ come un “master” per i globuli bianchi, che contribuiscono molto al sistema immunitario. I globuli bianchi prendono vita dal midollo osseo, ma è attraverso il Timo che i globuli bianchi entrano nella forma finale, diventando linfociti T capaci di tenere a bada il cancro e altre infezioni.

Il Timo inizia a degradare con l’età, di pari passo col crollo dei livelli dell’ormone della crescita. Precedenti ricerche sugli animali suggeriscono che la somministrazione di ormoni della crescita protegge e ripristina in tutto o in parte l’attività del Timo.

La ricerca

Per questo il Dr Gregory Fahy, collaboratore del Dr Horvath, immunologo e cofondatore della Intervene Immune, ha reclutato 9 maschi caucasici di età tra 51 e 65 anni. Lo ha fatto perché assumessero l’ormone Deidroepiandrosterone, per gli amici DHEA

Il Dr Fahy ha già sperimentato su di sé le attività del DHEA per ringiovanire negli anni 90 il suo Timo. Si è confrontato con effetti collaterali come il forte rischio di diabete. Per questo ha proceduto “correggendo” il trattamento con due farmaci antidiabetici e controllando periodicamente lo stato di salute del suo Timo.

Mi aspettavo un rallentamento dell’orologio epigenetico, non una inversione.

Dr Steve Horvath, in una intervista nel 2014 su Nature

Al termine del test, 7 dei 9 partecipanti hanno visto la totale scomparsa di grassi intorno alla ghiandola, sostituiti da tessuti sani. L’analisi dell’orologio epigenetico ha dato risultati ancora più strabilianti: tutti i pazienti avevano molti meno marcatori di quanti ne avessero all’inizio.

Biologicamente parlando, erano 2 anni e mezzo più giovani.

Fatte salve le necessità di procedere ancora molto più dettagliatamente nei test, la scoperta sembra davvero enormemente promettente.