Filobot, il robot che ha forma di vite e si stampa da solo è tutto italiano

Gianluca Riccio

Italia Next, Robotica

Il robot sviluppato dall'Istituto Italiano di Tecnologia è unico: cresce come una pianta e supera ostacoli e spazi aperti grazie alla sua capacità di stamparsi in 3D il proprio corpo.

FiloBot è un robot innovativo creato dai ricercatori dell’Istituto Italiano di Tecnologia: la sua particolarità è modellarsi come una vite rampicante per superare ostacoli e esplorare ambienti non strutturati. La sua straordinaria capacità di crescere autonomamente, stampando il proprio corpo in 3D, lo rende adatto a scenari inesplorati, dove altri robot convenzionali si troverebbero a disagio.

Vite robot

Nasce una nuova “specie”: il robot-vite

In un mondo di androidi robotici pronti ad entrare nei meccanismi produttivi il FiloBot irrompe sulla scena come un lampo nel buio. La sua agilità ricorda più un organismo vivente che un insieme di circuiti e plastica. La sua testa conica, una specie di cervello meccanico, guida il corpo serpentino in un crescendo di spirali di plastica che si solidifica nel momento esatto in cui viene depositata.

Ecco la magia: un corpo che si auto-genera, che si allunga e si contorce come una piantina di vite alla ricerca della luce.

Ballando con la gravità

Mentre i robot tradizionali si perdono in calcoli e traiettorie, il FiloBot danza. Letteralmente. Si muove con una leggerezza che sfida la gravità, allungandosi verso la luce con una naturalezza sorprendente. È un balletto meccanico, dove ogni movimento è un’affermazione di vita, di una vita artificiale che sembra quasi organica.

Vite
Una tabella che riassume il funzionamento di Filobot.

È come se avesse imparato dai rampicanti più abili, copiando i loro segreti per navigare in un mondo di ostacoli e barriere. Il FiloBot non ha bisogno di un team di ingegneri per crescere. Si nutre di un filamento di plastica, trascinato su dalla sua base, attraverso un’alternanza continua di estrusione e raffreddamento. È un’opera d’arte in movimento, una dimostrazione di autosufficienza che fa impallidire ogni altro robot. Ogni segmento del suo corpo è una decisione, un adattamento, una risposta alle condizioni ambientali che incontra.

Questa vite sintetica si avvolge intorno ai supporti verticali quando li trova, risparmiando energia e materiale. E se mancano supporti? In quel caso si rafforza, diventa un pilastro di plastica in grado di sostenere se stesso nel vuoto.

Oltre la ricerca: un futuro in crescita

Guidato dalla visionaria Emanuela Del Dottore, il FiloBot potrebbe essere la chiave per l’assistenza in scenari di disastri, per la costruzione in ambienti pericolosi o inaccessibili, per l’esplorazione spaziale dove ogni grammo di materiale conta. Se volete più dettagli, qui trovate la ricerca completa.

FiloBot non è solo un robot: è un seme di vite piantato nel futuro della robotica, un sogno che prende forma in spirali di plastica. La sua esistenza sfida tutto ciò che sapevamo sui robot e apre un mondo di domande: cosa significa essere un robot? Fino a dove può spingersi l’intelligenza artificiale? FiloBot non ha tutte le risposte, ma è sicuramente l’inizio di un dialogo affascinante tra uomo e macchina, tra natura e tecnologia. Un dialogo che porterà a scoperte che oggi possiamo solo immaginare.