Scorie nucleari, addio al problema grazie alla vetroceramica?

Gianluca Riccio

Energia

Novità dal Canada: una speciale vetroceramica resistente alla corrosione potrebbe superare le limitazioni attuali nello stoccaggio delle scorie nucleari.

L’energia nucleare rappresenta una fonte energetica pulita e a basse emissioni di carbonio, in grado di contribuire alla lotta contro il cambiamento climatico. Tuttavia, uno dei principali ostacoli alla sua diffusione è la gestione delle scorie radioattive. Questi rifiuti, altamente pericolosi per l’uomo e l’ambiente, necessitano di un isolamento sicuro per migliaia di anni.

Attualmente, le scorie nucleari sono stoccate in contenitori di vetro borosilicato. È una tecnologia che presenta alcune limitazioni. Il vetro, infatti, è suscettibile alla corrosione nel tempo, rilasciando potenzialmente sostanze radioattive nell’ambiente. Un team di ricercatori dell’Università di Saskatchewan (Canada) ha sviluppato un nuovo materiale che potrebbe rivoluzionare lo stoccaggio delle scorie nucleari. È la vetroceramica.

Vetroceramica, caratteristiche rivoluzionarie.

La vetroceramica, lo sapete, combina le proprietà positive del vetro (resistenza chimica e termica) con quelle della ceramica (durezza e stabilità). Il risultato? Un materiale estremamente resistente alla corrosione, in grado di contenere le scorie nucleari per periodi di tempo molto lunghi. Quanto? Vediamo.

La vetroceramica è stata sottoposta a test rigorosi per valutare la sua resistenza all’acqua, agli acidi e alle radiazioni. I risultati sono stati molto promettenti. Il materiale ha dimostrato una resistenza alla corrosione molto, molto elevata. Fino a 100 volte superiore rispetto al vetro borosilicato.

Vetroceramica scorie nucleari
Dalla vetroceramica nuove possibilità.

Passo avanti verso l’energia nucleare senza più alcun pensiero

La sperimentazione della vetroceramica per lo stoccaggio delle scorie nucleari è ancora in corso. Naturalmente occorreranno altri test, ma i risultati preliminari sono molto promettenti. Se questa tecnologia dovesse confermare le sue potenzialità, potrebbe contribuire a rendere l’energia nucleare un’opzione più sicura e sostenibile per la produzione di energia.

Restiamo pratici, ok? L’uso della vetroceramica per lo stoccaggio delle scorie nucleari potrebbe portare a:

  • Maggiore sicurezza. Riduzione del rischio di rilascio di sostanze radioattive nell’ambiente.
  • Minore impatto ambientale. Stoccaggio di un volume maggiore di scorie in contenitori più piccoli.
  • Risparmio economico. Durata di vita del materiale più lunga e minori costi di manutenzione.

Prossimi passi

Il team di ricercatori dell’Università di Saskatchewan sta continuando a lavorare sulla vetroceramica per migliorarne ulteriormente le proprietà. Sono in corso studi per ottimizzare la composizione del materiale e per testare la sua resistenza in condizioni reali. Gli esperti del settore? Sono entusiasti. Se volete approfondire, trovate tutto qui.

La vetroceramica rappresenta una speranza per un futuro più sostenibile dell’energia nucleare. Se questa tecnologia dovesse confermare le sue potenzialità, potrebbe contribuire a superare uno dei principali ostacoli alla diffusione dell’energia nucleare.

Soprattutto, potrebbe contribuire a renderla una parte importante della lotta contro il cambiamento climatico.