1 comment

I denti stampati in 3D saranno antibatterici

Perso un dente per una carie? Il vostro dentista ve ne stamperà uno in 3D che potrebbe proteggere tutta la bocca da ogni futuro problema. I ricercatori dell’Università di Groningen in Olanda hanno pubblicato uno studio, “Resine composite antimicrobiche stampabili in 3D”, che illustra i risultati di un sorprendente esperimento: la creazione di denti in grado di uccidere i batteri al solo contatto. Una ‘capsula-guardiano’ per tutti gli altri denti, insomma.

Come funziona?

I puntini rossi sono batteri morti, quelli verdi sono vivi. Sulla sinistra c'è un modello di resina senza i sali speciali, a destra invece sono presenti: l'effetto è enormemente diverso.
I puntini rossi sono batteri morti, quelli verdi sono vivi. Sulla sinistra c’è un modello di resina senza i sali speciali, a destra invece sono presenti: l’effetto è enormemente diverso.

Il dente di rimpiazzo è disegnato esattamente come quello che viene estratto al paziente: una speciale resina anallergica combinata con un sale speciale è stampata poi in 3D e impiantata nella bocca. La carica positiva presente nei sali inseriti nella resina distrugge le membrane dei batteri (cariche negativamente), eliminando qualsiasi colonia batterica.

Gli autori dello studio sono entusiasti, e scrivono: “Le proprietà antibatteriche sono state ottimizzate e stabilizzate, abbiamo un prototipo già pronto per tutti i test clinici. Le applicazioni possibili non sono solo in campo dentale, ma ad esempio ortopedico: tutori e distanziatori che entrano a contatto con il corpo del paziente, impianti dell’anca o della gamba in grado di eliminare ogni rischio di infezione. Non c’è dubbio poi che lo stesso procedimento può essere impiegato nello stampare anche oggetti che non riguardano il campo medico: confezioni di cibo, ad esempio, o giocattoli per bambini. Allo stato attuale, la resina che abbiamo sviluppato è il primo materiale antibatterico che può essere stampato in 3D”.

Ecco il testo della ricerca >>