lunedì, 18 20 Novembre19

La terapia genica cura i “bambini bolla”

Collabora!

Futuro Prossimo è aperto a tutte le visioni di prospettiva sul Futuro. Per divulgare al grande pubblico gli esiti di una ricerca o di scoperte scientifiche, mostrare il tuo punto di vista su un tema o raccontare un cambiamento

Contattaci

C’è una nuova speranza per i cosiddetti “bambini bolla”, quei bambini affetti da ADA-SCID, una forma gravissima e rara di immunodeficienza ereditaria che rende facile preda di virus e batteri.

C’è un nuovo metodo di cura, ottenuto modificando cellule staminali dei pazienti attraverso l’inserimento del gene responsabile della malattia, riveduto e corretto. Un traguardo, chiamato terapia genica, che potrà permettere a questi bambini di vivere nel mondo reale, al di fuori della bolla che li protegge giorno e notte.

Luigi Naldini, direttore dell’istituto San Raffaele Telethon per la terapia genica, ha affermato: «È come vivere in una fiaba. Bambini che prima morivano oggi si salvano tornando a una vita normale».

L’ADA-SCID è una malattia rarissima, causata dalla presenza di un gene alterato ereditato da entrambi i genitori capace di bloccare la produzione di una proteina essenziale per i linfociti, l’adenosina deaminasi (Ada). Senza linfociti, i bambini sono praticamente privi del sistema immunitario. Questa nuova terapia, ora, può dare nuove speranze a tante famiglie.

Loading...
Valeria Martalò

Valeria Martalò

Laureata in Filologia Classica, classe 1989, ama scrivere delle sue passioni e di ciò che la circonda. Le piace vivere in mezzo alla natura.

Il futuro di:

Le più lette della settimana

Le ultime

Su Telegram

Su Facebook

Prossimo articolo

Login to your account below

Fill the forms bellow to register

Retrieve your password

Please enter your username or email address to reset your password.