1 comment

Nasce il primo robot educativo

Il campo della robotica fa passi da gigante, anche per quanto riguarda i robot educativi, pensati per bambini dai 3 agli otto anni. In particolare, oggi vi presentiamo ““, che parla, si muove, risponde agli stimoli esterni ma soprattutto accresce le capacità cognitive dei più piccoli.

È un compagno di giochi educativo creato dal Gruppo Lisciani che, a un anno dal successo di Mio Phone® (il primo smartphone parental control dedicato ai più piccoli) rivoluziona il mondo dei giocattoli didattici. Sarà già disponibile negli scaffali a novembre, questo robot tutto italiano.

L’azienda che lo produce è infatti di Teramo, ed è specializzata da oltre 40 anni nella produzione di giochi educativi per bambini. Il robot fa domande e risponde alle curiosità dei più piccoli, grazie al riconoscimento vocale registra e identifica la voce del bambino fino a 5 metri di distanza, e con il sensore tattile posizionato dietro la testa ricambia con affetto carezze e abbracci. Mio amico Robot sa evitare gli ostacoli ed evita di cadere.

“I bambini oggi sono circondati da moltissimi strumenti tecnologici più o meno a portata di mano – racconta Davide Lisciani, AD Gruppo Lisciani – e impedirgli di venirne a contatto è pressoché impossibile. Infatti, se da un lato è doveroso far giocare i propri figli all’aria aperta e farli crescere assieme ai loro coetanei, dall’altro lato è importantissimo offrirgli il meglio della tecnologia, soprattutto in termini di sicurezza”.

Tramite un’app, è possibile controllare il giocattolo a distanza con il proprio device, ma anche usarlo per registrare filmati come un vero e proprio Drone Explorer, per tenere sempre d’occhio il bambino.